Mercoledì 28 Luglio 2010

Ecco i furbetti della rotonda:
a Olgiate inversioni proibite

OLGIATE COMASCO - La ridisegnata rotonda in località Boscone allunga di un chilometro e mezzo la strada per andare a Como. Mentre prima, arrivando da Faloppio, si poteva girare attorno alla rotatoria e immettersi sulla Garibaldina per proseguire verso San Fermo della Battaglia adesso è stata introdotta la svolta obbligatoria a destra: sei, settecento metri per raggiungere la nuova rotonda al Gerbo e altrettanti per ritornare indietro. Quasi un chilometro e mezzo in più di tragitto, tanto che per aggirare quello che è giudicato un disagio si moltiplicano i "furbetti" che, tre o quattro le auto in coda nei momenti di punta, si inventano una scorciatoia facendo un'inversione vietata subito dopo la fine dello spartitraffico.
L'amministrazione provinciale proprietaria della strada e responsabile del progetto della rinnovata rotatoria, non intende fare retromarcia sulla nuova viabilità e anzi annuncia tolleranza zero.
«La politica che stiamo portando avanti su tutte le strade provinciali dove siano presenti due rotatorie abbastanza ravvicinate, consiste nell'imporre una striscia continua lungo tutto il prato per evitare le svolte a sinistra che sono pericolose dati i notevoli volumi di traffico - spiega l'assessore provinciale Pietro Cinquesanti - nel caso specifico, essendoci due rotatorie nel raggio di cinquecento metri, è giusto rendere obbligatoria la svolta a sinistra. L'ingresso potrà avvenire solo da destra e altrettanto le uscite dalle varie attività e dagli accessi privati».
Dunque una soluzione definitiva non limitata alla presenza del cantiere: «Contiamo sui controlli della polizia locale e della polizia stradale dei carabinieri per verificare il rispetto della nuova segnaletica - aggiunge Cinquesanti - se però la sola striscia continua non dovesse essere sufficiente, metteremo una delimitazione fisica per impedire di fare inversione anche se i tecnici sconsigliano questo tipo di barriere per motivi di sicurezza».

m.schiani

© riproduzione riservata