Giovedì 02 Settembre 2010

Villa d'Este alla ricerca
del successore di Droulers

A Villa d'Este fervono i lavori per il meeting Ambrosetti, appuntamento clou della stagione settembrina, che da domani a domenica riunirà sul Lario il Gotha della politica e della finanza.
Ad assicurarsi che nessun ostacolo rallenti i lavori della complessa macchina organizzativa c'è Jean-Marc Droulers, da quarant'anni figura chiave del cinque stelle di Cernobbio e dell'industria turistica comasca, stimata a livello internazionale.
Per lui questa potrebbe essere l'ultima edizione del prestigioso convegno. A fine anno scade infatti il mandato di amministratore delegato firmato con la famiglia Fontana, leader nella produzione di bulloni, che nel 2007 ha rilevato proprio da Droulers il 29% del capitale, diventando così l'azionista di maggioranza. "Sono pronto a farmi da parte e ritagliarmi un ruolo diverso per preparare la successione. Non posso certo pensare di mantenere la carica a vita". Individuare il successore non sarà facile come ammette lo stesso Droulers: "Individuare il soggetto giusto non sarà comunque facile. In genere chi arriva, preferisce rappresentare il progresso cancellando il passato. Nel caso di Villa d'Este sarebbe uno sbaglio enorme: basta un nulla per distruggere un lifestyle così speciale". Un appeal che resta intatto nel tempo e che rende speciale l'hotel in riva al lago: "Ci sono molti intermediari a caccia di affari da proporre a investitori dell'Estremo Oriente. Di offerte sul tavolo ne arrivano di continuo, poi si dice no".

e.conca

© riproduzione riservata