Martedì 07 Settembre 2010

Cantù , lascia don Davide
Un anno di riflessione

CANTU' Un anno sabbatico per confrontarsi con il proprio cammino di uomo di fede, cominciato dieci anni fa. E' quello che ha chiesto e ottenuto don Davide Pepe, il coadiutore degli oratori della Comunità di San Vincenzo, tanto che già domenica, nel corso delle messe del mattino, verrà svelato ai canturini il nome di chi prenderà il suo posto.
Avvicendamento che arriva inaspettato, comunicato dal pulpito da prevosto della comunità monsignor Giuseppe Longhi attraverso una lettera: «Chiediamo a tutte le comunità parrocchiali una particolare preghiera per don Davide. Dopo momenti umani e spirituali intensi e sofferti di ricerca, in accordo con l'arcivescovo, don Davide ha chiesto e ottenuto di sospendere l'attività ministeriale per un anno, per poter continuare la sua verifica». Don Davide, 35 anni, ordinato nel 2000, si è già trasferito a Milano, dove si dedicherà all'insegnamento della religione in una scuola superiore. «Si stacca dalla nostra comunità di Cantù con grande rincrescimento – prosegue la lettera –  Noi speriamo che da questa esperienza delicata a difficile possa nascere un bene più grande per lui, per noi e per tutta la diocesi».
Arrivato in città nel 2006, don Davide Pepe era punto d riferimento per gli oratori delle parrocchie del centro – San Paolo, san Teodoro, San Michele e San Carlo – e il suo addio, o forse solo un arrivederci, ha colto alla sprovvista molti fedeli e volontari attivi nell'ambito oratoriano, visto che il suo impegno nella comunità pastorale a quanto pare non lasciava presagire una simile decisione. Secondo il vicario episcopale, monsignor Armando Cattaneo «Quello di don Davide è un cammino che è stato comunicato, condiviso e accolto con serenità. Il sacerdote che lo sostituirà è già stato designato ma per correttezza riteniamo sia giusto annunciare il suo nome ai fedeli per primi, il che potrà accadere già domenica mattina».

m.butti

© riproduzione riservata