Mercoledì 08 Settembre 2010

Cantù , il piano del traffico
al giudizio del cittadini

CANTU' Il primo via libera ufficiale, finalmente è arrivato. Depositato in municipio alla fine del 2009, il piano urbano del traffico ieri ha incassato il voto positivo della giunta che l'ha quindi adottato. Piano redatto dalla società milanese Trt Trasporti e territorio per capire e mettere nero su bianco quali siano le necessità canturine dal punto di vista viabilistico e quali le migliorie da apportare per cercare di rendere più fluida la circolazione.
Ora la palla passa ai cittadini. Il piano infatti già nei prossimi giorni sarà a disposizione di quanti chiedano di visionarlo all'ufficio lavori pubblici, e verrà pubblicato anche sul sito internet dell'amministrazione, www.comune.cantu.co.it. Chiunque può quindi avanzare le proprie osservazioni, da qui ai prossimi 30 giorni.
Già da mesi quelli che sono i punti principali individuati dal piano sono ormai noti. A partire dalla riapertura al traffico di piazza Garibaldi, rimettendo in collegamento via Dante e via Roma. Con i lavori sulla parte carrabile già in corso. E poi lo spostamento del capolinea dei bus in piazza Marconi, ritenuto dai tecnici imprescindibile per liberare dal traffico piazza Parini, eliminando code e conflitti con le auto in manovra di parcheggio, e di conseguenza il centro tutto. Una scelta che prevede il contestuale trasloco del mercato al grande parcheggio di piazzale Club alpino Italiano, all'incrocio tra via Manzoni e via King, che parecchie polemiche ha generato nei mesi scorsi fin da che lo si è ipotizzato. «Le risorse per attuare le indicazioni contenute nel piano del traffico – spiega l'assessore Simone Molteni – si devono e si possono trovare, come già detto più volte, attraverso le alienazioni. Quindi le concretizzeremo, un passo alla volta. E' vero che il piano urbano del traffico non è vincolante, ma è l'indirizzo ufficiale dell'amministrazione per quanto riguarda questo tema, e ancora di più lo sarà dopo aver incassato, oltre al sì della giunta, anche quello del consiglio comunale».

m.butti

© riproduzione riservata