Giovedì 16 Settembre 2010

Il bus cambia percorso,
Villa Saporiti protesta

Bus per il nuovo Sant'Anna: ancora caos e polemiche. La sperimentazione della linea che porta all'ospedale, battezzata «1 H», è partita da tre giorni, ma senza troppa fortuna. Fioccano le lamentele da parte degli utenti per i ritardi registrati sulla "vecchia" linea 1 (rimane e rimarrà attiva, è bene ricordarlo), disagi che molti imputano proprio all'introduzione parziale delle nuove corse. Ma prosegue anche lo scontro a distanza tra il Comune (l'assessore Stefano Molinari si è detto contrario ai test, visto che per ora i mezzi non possono arrivare fino all'ospedale e devono fermarsi alla Magistri) e l'azienda di trasporto Asf (ha dato il via ugualmente alla sperimentazione). La notizia per certi versi più clamorosa riguarda, però, il percorso dei bus che dovrebbero testare funzionamento e tempi di percorrenza della nuova linea: il settore Trasporti della Provincia ha effettuato una verifica del servizio scoprendo che, incredibilmente, non sempre l'itinerario stabilito viene rispettato. Nel corso del monitoraggio svolto due giorni fa, in particolare, un tecnico di Villa Saporiti ha scoperto che la corsa in partenza da Chiasso alle 11,51 con arrivo previsto a Lazzago alle 12,46 ha… sbagliato strada. Invece di arrivare all'altezza della Magistri, ha proseguito sull'usuale percorso della linea 1, arrivando a San Fermo alle 12,40. Per questo ieri il dirigente del settore Trasporti Giuseppe Cosenza ha chiesto spiegazioni in una lettera inviata ad Asf e al Comune: la deviazione, specifica il documento, è stata decisa «da un funzionario dell'azienda salito a bordo». «Pur tenendo conto della fase di sperimentazione – si legge – si esorta a sviluppare tutte le iniziative necessarie per garantire il servizio così come concordato, al fine di non ingenerare confusione nell'utenza, stabilendo preventivamente con Comune e Provincia le eventuali variazioni». Anche l'assessore comunale ai Trasporti, Stefano Molinari, vuole fare chiarezza sulla sperimentazione in atto e domani incontrerà i vertici di Asf. Diversi cittadini, intanto, hanno denunciato ritardi record sulla linea 1 proprio martedì mattina (un'ora e un quarto per andare da Prestino a Porta Torre). Asf ha spiegato che è saltata la corsa delle 7,10 ma non ci sono stati altri problemi particolari. Polemiche, infine, per la decisione di non far deviare le linee C70 e C71 (Appiano e Villa Guardia), che già fermano al Bennet e, allungando il percorso di pochi minuti, potrebbero portare i passeggeri davanti al Sant'Anna: «Abbiamo dato la nostra disponibilità, ma Comune e Provincia hanno detto no - spiega Patrizio Chiappa (nella foto), autista e rappresentante della Rsu per la Cgil - La gente così sarà costretta ad andare a piedi dal Bennet all'ospedale, oppure dovrà aspettare un mezzo della nuova linea e scendere alla prima fermata».
Mi. Sa.

a.savini

© riproduzione riservata