Venerdì 29 Ottobre 2010

Cabiate, la denuncia della Lega
"Via Resistenza, che disastro"

CABIATE Un'altra denuncia sullo stato d'incuria in cui versa il patrimonio pubblico firmata dalla Lega Nord. Nel mirino della denuncia del consigliere di minoranza Giordano Minotti, questa volta ci sono la recinzione del perimetro esterno di Villa Padulli e l'area pubblica antistante, affacciata su via della Resistenza.
«Il complesso di Villa Padulli – attacca il leghista – fa parte delle proprietà del comune ormai da un ventennio e nonostante questo, giace in uno stato di completo abbandono e degrado. Agli annunci fatti dall'amministrazione comunale di avvio di un recupero, a oggi non si intravvedono né interventi seri di conservazione, né proposte reali di utilizzo e intanto il nucleo centrale della Villa è a rischio crollo, tanto che alcune pavimentazioni interne hanno già ceduto».
Una battaglia, quella su Villa Padulli, che negli anni passati il Carroccio non si è risparmiato di combattere: «Il nostro gruppo consiliare – prosegue Minotti - alcuni anni fa presentò una mozione che chiedeva almeno la riqualificazione di Piazza Umberto I, il recupero della palazzina d'ingresso della Villa e la sistemazione del parco e della sua  recinzione: in effetti la portineria è al centro di alcuni lavori di restauro e anche piazza Umberto I è stata riqualificata nonostante l'intervento non ci trovi totalmente soddisfatti perché a nostro avviso si poteva fare meglio».
Il problema, però, sarebbe un altro: «Lungo via Della Resistenza – attacca Minotti - la recinzione del parco presenta un'apertura causata probabilmente da cedimenti strutturali o da atti di vandalismo cui non si è posto rimedio». Ma questo sarebbe solo l'inizio perché la Lega Nord fa un'altra denuncia: «Sul lato opposto alla recinzione del parco di Villa Padulli, lungo via Della Resistenza, è presente del verde pubblico con piantumazione e panchine che versano in uno stato pietoso».
La replica è affidata all'assessore all'ambiente Enrico Toppi: «Se ci sono pochi soldi da investire, è logico che si dia priorità alle cose più urgenti che sicuramente sono, ad esempio, l'asfaltatura delle strade».

r.foglia

© riproduzione riservata