Mercoledì 02 Febbraio 2011

Cantù <invasa> dai discount
Ne sono in arrivo altri due

CANTU' I supermercati classici, quelli tradizionali, c'erano già. Adesso, tocca ai discount: gli ultimi arrivati. Con l'arrivo della bella stagione si conteranno infatti quattro discount – nel 2009, nemmeno esistevano, e bisognava prendere l'auto per andare in trasferta nei paesi attorno – e quattro supermercati di quartiere. Senza dimenticare i due giganti nei centri commerciali, alle porte della città. Per un totale di dieci punti vendita. Un numero degno di un capoluogo di provincia.
Risale agli anni Ottanta l'apertura dei primi supermercati a Cantù. La Despar di via Fossano. Il marchio Billa – ex Standa – di via San Giuseppe, a Vighizzolo. L'Amico Mio di via Mazzini, il Sigma di via Alciato. Poi, gli Anni Novanta. La prima rivoluzione, con l'arrivo dell'Ipercoop in viale Lombardia, e del Bennet – fino a prima, presente con un punto vendita più contenuto (ma storico) in piazza Garibaldi – in corso Europa. Strutture con decine di corsie, inseriti in due gallerie zeppe di negozi (rispettivamente 50 e 44).
Ora si apre l'era dei discount. Il primo, il Todis di via Vanvitelli, tra via Fossano e via Sempione: un ibrido arrivato nel 2009, con prodotti in parte "primo prezzo", in parte da supermercato. Seguito quest'inverno, dall'In's di via Milano, con un taglio ancor più popolare. Presto sarà in compagnia: a poche centinaia di metri, aprirà un punto vendita Eurospin. I lavori nell'area della ex Roncoroni sono già iniziati. Si pensa che a maggio anche questa catena sarà sbarcata. Prima, ci sarà un'altra apertura. Perché a giorni, in corso Europa, toccherà alla Lidl. A due passi da Cantù 2000 e dal futuro palazzetto dello sport, dove vi saranno ampi spazi commerciali, ma non alimentari.

m.butti

© riproduzione riservata