Giovedì 10 Febbraio 2011

Due perquisizioni, indagato
il sindaco di Magreglio

MAGREGLIO - Il sindaco di Magreglio, Giovanna Arrigoni, risulta indagata per un ammanco di alcune migliaia di euro al Comune di Barni. La donna, 64 anni, eletta sindaco nel 2009 in una lista civica, oltre ad essere primo cittadino del paese del Ghisallo ricopre anche il ruolo d'impiegata amministrativa presso il confinante paese di Barni. E proprio qui, sulla base di un esposto presentato dallo stesso Comune, sarebbe partita la segnalazione che ha spinto la procura ad aprire un'inchiesta.
Ieri i finanzieri di Erba hanno effettuato due perquisizioni d'urgenza, disposte dal pubblico ministero di turno, a Barni e a Magreglio. Le fiamme gialle, che hanno notificato un'informazione di garanzia a Giovanna Arrigoni contestando degli episodi di falso, hanno acquisito, tra l'altro, una serie di documenti relativi all'area appalti e contabilità del Comune di Barni. L'indagine - da quanto emerso - sarebbe collegata in qualche modo a un contenzioso di lavoro sorto tra l'amministrazione cittadina e la dipendente, nonché sindaco di Magreglio. Contenzioso legato, parte, all'erogazione di alcuni compensi.

m.schiani

© riproduzione riservata