Lunedì 14 Febbraio 2011

Appiano: muore dopo
 la caduta da una pianta

APPIANO GENTILE Cade dall'albero, muore pensionato. Non ce l'ha fatta Giuseppe Fontana – settant'anni - molto conosciuto in paese per essere stato, per anni, titolare di uno storico negozio di abbigliamento in piazza Libertà, dove attualmente ha sede la banca Unicredit. Dramma consumatosi venerdì, quando l'uomo – che probabilmente era impegnato in un intervento di potatura - è rovinato a terra a seguito di una scivolata non si sa se accidentale o conseguente a un malore che potrebbe averlo colpito all'improvviso. I familiari hanno subito allertato il 118. Poco dopo è giunta sul posto un'ambulanza per le prime cure, dopodiché il pensionato è stato trasferito all'ospedale Sant'Anna. Da quanto è stato possibile ricostruire, inizialmente pare fosse cosciente, in seguito le sue condizioni si sono aggravate. La lotta per la vita è purtroppo terminata l'altro ieri, quando il suo cuore ha smesso di battere.
La notizia della sua morte ha fatto il giro del paese ieri mattina, ma sulle prime senza trovare piena conferma. I familiari, sconvolti dalla tragica fine del loro congiunto, si sono chiusi nel più stretto dolore, preferendo vivere in forma intima e riservata la loro disperazione. Sposato e padre di due figlie, viveva in una villetta in via Carducci. La comunità, pur rispettando il riserbo della famiglia, ha manifestato profondo e sincero cordoglio per la morte di Giuseppe Fontana. In paese, il suo nome resta legato a doppio filo allo storico negozio di abbigliamento, che gestì fino a circa una quindicina di anni fa, subentrando al padre che nel dopoguerra avviò una fiorente attività di commercio di tessuti, in tempi in cui non erano ancora largamente sul mercato gli abiti già confezionati. Il figlio Giuseppe poi la sviluppò ulteriormente, puntando sulla vendita di abiti di qualità, seppur non sartoriali. Diversi ne ricordano la gentilezza e competenza nel rivolgersi ai clienti. Dopo la pensione, lo si vedeva abitualmente in paese in compagnia del suo inseparabile amico a quattro zampe e, quando capitava di incrociarlo per strada, non faceva mai mancare un saluto cordiale. I suoi funerali non sono stati ancora fissati.

f.angelini

© riproduzione riservata