Sabato 19 Febbraio 2011

Il postino recupera
il cucciolo smarrito

UGGIATE TREVANO C'è posta per te: il portalettere assieme alla corrispondenza consegna ai proprietari un cucciolo di pastore tedesco Che si era smarrito. Francesco Magrini, noto per le sue imitazioni da Celentano a Sordi ha così indossato per un giorno i panni di dog - sitter accudendo un cucciolotto che lo aveva seguito. Sfatando così anche il mito che tra cani e portalettere non corre buon sangue.
«In sella alla mia moto - spiega Magrini - mi trovavo per la consueta consegna di lettere e pacchi postali in via XXV Aprile quando ho notato un cagnolino che mi seguiva. E ancora per via Volta e via Marconi, quindi ho preso in braccio il cane sotto lo sguardo incuriosito degli uggiatesi». Continua Magrini che dichiara entusiasta: «All'inizio pensavo fosse stato abbandonato e ho chiesto ad una mia amica, Stefania Simonelli, se poteva accudirlo visto che stavo lavorando. L'abbiamo poi portato dal veterinario per controllare se aveva il microchip per l'identificazione, ma purtroppo ne era sprovvisto». Nel pomeriggio, il postino ancora in divisa non ha resistito ed è tornato dalla sua amica per vedere come stava il cucciolo che appena ha visto il suo salvatore, gli è saltato letteralmente addosso e ha continuato a fargli le feste. «Ho preso il cane - dice Magrini - e ho iniziato a camminare per Trevano nella speranza di trovare di chi fosse, quando ad un certo punto è arrivata la proprietaria, la signora Carnevale che lo stava cercando da ore».
Poi ha messo sul suo profilo in facebook l'esperienza vissuta scrivendo: «Oggi sono felice perché ho salvato la vita ad un cucciolo di pastore tedesco», subito sono arrivati i commenti di congratulazioni per essersi preoccupato del cane e non averlo abbandonato al suo destino, con la possibilità di finire magari investito da qualche automobilista. Infine commenta Magrini: «È stata una bella esperienza che non dimenticherò mai per l'affetto che mi ha trasmesso il mio amico a quattro zampe. È stato come essere il protagonista di un film, fortunatamente a lieto fine».

f.angelini

© riproduzione riservata