Domenica 20 Febbraio 2011

Corsa del bus soppressa
Proteste in Val d'Intlevi

LANZO D'INTELVI Lamentele e disagi tra i cittadini per la soppressione della corsa degli autobus di linea in partenza dalle 9,13 da Lanzo, direzione Como. Una corsa definita non solo dai passeggeri, ma dagli stessi addetti ai lavori, strategica per i collegamenti da e per la Valle d'Intelvi. La sua soppressione sta creando non pochi disagi a tanti utenti. Il taglio disposto unilatelarmente dall' Asf determinarà un «buco» nei collegamenti di oltre tre ore. In questo arco di tempo non solo non ci saranno autobus diretti a Como o Argegno ma neanche di rientro in Valle, in quanto il pulman che avrebbe dovuto garantire il ritorno dalla autostazione di Sant'Agostino a Como resta invece fermo in rimessa. Il vuoto comporterà disagi anche per i passeggeri che attendono le coincidenze ad esempio per Schignano e per gli utenti che da Lanzo avrebbero avuto una corsa assicurata in piena mattinata lungo tutto i paesi del tragitto fino ad Argegno. Una vera e propria navetta con sali e scendi continuo che ora verrà a mancare. «Ci sono stati tagli per carenze di fondi - conferma il consigliere provinciale Enrico Manzoni (nella foto) -. Come sempre farò sentire la mia voce in amministrazione provinciale per valutare se ci sono le condizioni per il ripristino della corsa. Se è vero, come sostengono in molti, che si tratta di una corsa importante, allora l'azienda dovrà fare gestire la riduzione con tagli che creino meno disagi possibili, soprattutto alle fasce deboli. Alla fine sono loro gli utenti che utilizzano maggiormente gli autobus di linea». Insomma va bene la scure, ma usata al posto giusto.

f.angelini

© riproduzione riservata