Mercoledì 23 Febbraio 2011

Mariano: gruppo d'acquisto
per il fotovoltaico di casa

MARIANO I bambini e i ragazzi a scuola imparano a coltivare l'orto, mentre i loro genitori si incontrano per creare un nuovo gruppo di acquisto solidale (“Gas”) questa volta non indirizzato a comprare generi alimentari o di prima necessità, ma piuttosto pannelli solari per il fotovoltaico da installare sul tetto di casa. I marianesi riscoprono l'amore per la terra (il comune ha aperto anche un bando per assegnare 22 orti urbani agli adulti in via Segantini) e l'interesse per le tecnologie che consentono un risparmio energetico e il contenimento degli agenti inquinanti nel rispetto dell'ambiente in cui si vive. Non per niente a Perticato è stata realizzata anche una delle prime case a impatto zero che sfrutta l'energia solare, l'acqua piovana e il calore della terra.
Di questa nuova iniziativa se ne parlerà giovedì alle 21 nella sala civica di piazza Roma dove l'amministrazione comunale, in collaborazione con la Mariano Comense Servizi, la cooperativa «L'isola che c'è» e l'associazione Corto Circuito presenterà il terzo Gas della provincia di Como “dedicato” ai pannelli fotovoltaici. «L'iniziativa fa parte di una serie di attività che stiamo portando avanti sul territorio - spiega l'assessore ai servizi sociali Cesare Pozzi - e che coinvolge tutti i target di età, dai bambini agli adulti». Come? Nei giorni scorsi due agronomi della Cooperativa L'isola che c'è hanno incontrato i bambini di cinque classi tra III e IV dell'elementare di Perticato, mentre quest'oggi, mercoledì, saremo dai bambini delle classi seconde di Sant'Ambrogio e delle seconde medie di Perticato. Vista la stagione che ancora non permette di uscire, si terranno degli incontri teorici per spiegare come si coltiva un orto con le sue pianticelle che, a titolo sperimentale, verranno seminate in alcuni vasi da trasferire poi nel terreno quando arriverà la primavera: gli orti saranno curati direttamente dai ragazzi».
Grazie alla collaborazione di alcuni volontari della Protezione civile, nelle due scuole di riferimento - l'istituto comprensivo di via Bellini e la scuola di via Sant'Ambrogio - sono già stati individuate le strisce di terreno dove dovranno essere curate le nuove pianticelle: i volontari stanno preparando la terra così appena il meteo lo permetterà, i bambini potranno procedere con la semina. «Ovviamente i frutti di questo lavoro saranno consegnati ai bambini che porteranno a casa della verdura coltivata direttamente - prosegue Pozzi -: lo scopo è quello di insegnare il valore dei cibi genuini e della filiera corta che comunque già cerchiamo di diffondere con il mercatino solidale in cartellone ogni seconda domenica del mese in piazza Roma. Per tutto l'anno, agosto escluso saranno presenti dai 7 ai 14 produttori locali per vendere pane, formaggio, marmellata, miele, frutta e quant'altro sia stato prodotto senza l'aggiunta di sostanze chimiche».

l.barocco

© riproduzione riservata

Tags