Domenica 13 Marzo 2011

De Sfroos, ecco i 15 brani
del cd del "dopo Sanremo"

Sapete mantenere un segreto? Sì? Anche noi. Peccato che, nell'era di Internet, la corsa all'anticipazione, all'“io l'ho scritto per primo sul mio blog” renda vana qualsiasi considerazione in merito. Mancano poche ore alla presentazione ufficiale di "Yanez", il nuovo attesissimo album di Davide Van De Sfroos, nei negozi (reali e digitali) a partire dal 14 marzo, e già in rete rimbalzano le indiscrezioni. I siti dei rivenditori discografici, ad esempio, oltre alla gialla copertina, già nota, propongono anche una scaletta di pezzi che ha tutta l'aria di essere quella definitiva, aperta da una di quelle poche canzoni di cui già si sapeva qualcosa e che qualcuno ha già ascoltato:
"El carnavaal de Schignan" è stata presentata proprio in quel paese durante la pittoresca manifestazione, un pezzo che, per certi versi, ha gli stessi profumi mediterranei di "Yanez" ma che, a quanto anticipava il cantautore, rappresenterebbe una delle poche eccezioni di un disco molto diverso dal pezzo portato a Sanremo.
Intanto quel brano, dopo essere rimasto al terzo posto della classifica Fimi dalla fine del Festival, davanti solo i Modà con Emma e il vincitore Vecchioni, è sceso al settimo, segno che era proprio arrivato il momento di pubblicare il disco. A quanto si legge gli altri titoli sono “Dona lüseerta”, “Il camionista Ghost Rider”, “Long John Xanax”, “La machina del ziu Toni”, “Maria”, “El pass del gatt”, “Setembra”, “Dove non basta il mare”, “Il reduce”, “La figlia del tenente”, “Blues di Santa Rosa”, “Ciamel amuur” e “Rosa del vento”. Canzoni che i fan, che grazie a Sanremo potrebbero tranquillamente essere raddoppiati (triplicati?), visto che le vendite di tutti i vecchi album si sono immediatamente riattivate, impareranno a conoscere anche nei concerti dello “Yanez tour” che sarà inaugurato al PalaExpo Fevi di Locarno sabato 26 marzo, seconda tappa allo Smeraldo di Milano il 27. Le date di Varese e Como sono state raddoppiate: il 15 e 16 aprile al Teatro Apollonio, il 28 e 29 al Teatro Sociale. Prima di tutto questo, mentre i pacchi di dischi arriveranno nei magazzini dei negozi, Van De Sfroos sarà a Torino mercoledì 16 marzo per prendere parte alla Notte Tricolore che celebrerà il 150° dell'Unità d'Italia. Si esibirà in piazza Vittorio dividendo il palco proprio con Roberto Vecchioni, con Irene Fornaciari, conosciuta proprio grazie a “Yanez”, Syria e una bella selezione di artisti dialettali per rappresentare le diverse zone del Paese: la Sardegna dei Tazenda con il cantante Beppe Dettori, la Sicilia dei Tinturia, la Calabria di Peppe Voltarelli, la Puglia dei Nidi d'Arac, la Liguria dei Buio Pesto, il Friuli Venezia Giulia di Luigi Maieron mentre giocano in casa i piemontesi Lou Dalfin e Luca Morino dei Mau Mau. Un ultima considerazione: “Pica!”, l'album della consacrazione nazionale di Van De Sfroos, aveva raggiunto il quarto posto nelle classifiche senza passare dal Teatro Ariston, la vetta non è poi così lontana.

Alessio Brunialti

b.faverio

© riproduzione riservata

Tags