Mercoledì 23 Marzo 2011

Mariano vertice dei commercianti
Tre mosse contro il supermercato

MARIANO Un documento per proclamare lo “stato di agitazione” dei commercianti marianesi, la costituzione di una commissione composta da sei negozianti e la richiesta di un incontro in tempi rapidi per un faccia a faccia con il sindaco Alessandro Turati. E' questo l'esito dell'incontro organizzato lunedì sera dalla sede cittadina della Confcommercio di viale Brianza alla quale ha partecipato una cinquantina di esercenti marianesi (tra associati e non) per fare il punto della situazione sull'ipotizzato futuro centro commerciale che potrebbe essere realizzato in città tra via Isonzo e viale Lombardia. La serata, voluta dal presidente dell'associazione di categoria Giansilvio Primavesi e dal direttore Gianni Monetti presenti in sala, è stata coordinata dal responsabile marianese Rosario Presti e ha visto la partecipazione anche del suo predecessore Carlo Tafuni: assenti, invece, i rappresentanti dell'amministrazione comunale, non ufficialmente invitati.
Nel merito la discussione si è concentrata sulle forti preoccupazioni degli esercenti sull'ipotesi di avere un centro commerciale anche a Mariano: «Chiariamo subito che nessuno è contrario al fatto che l'attuale Gigante si sposti in quell'area per migliorarsi e al limite aumentare di poco la sua superficie di vendita così com'è – prosegue Presti -, ma quello che proprio non va giù è l'idea del supermercato con annessa galleria di negozi perché questo vorrebbe dire condannare a morte le attività degli esercenti locali». Le ragioni di tanta paura stanno nel fatto che «Mariano è già circondata da tre centri commerciali. Prevedere un centro commerciale in via Isonzo sposterebbe tutta l'attenzione della clientela in quella zona, per non parlare dei problemi legati a un congestionamento del traffico che sarebbe un danno non solo per i residenti del comparto, ma anche per tutti gli altri negozianti in quanto raggiungere il centro o la periferia di Mariano potrebbe diventare difficoltoso».

r.foglia

© riproduzione riservata