Sabato 16 Aprile 2011

Appiano dice sì
all'anagrafe on line

APPIANO GENTILE Niente più code all'ufficio anagrafe. Tra qualche mese, senza dover recarsi in municipio, si potrà ricevere on line un certificato di anagrafe e stato civile. Il Comune di Appiano – primo in provincia di Como secondo gli amministratori - ha ottenuto dal ministero dell'Interno l'autorizzazione al rilascio automatico di tali certificati, tramite la procedura del timbro digitale per l'autentificazione dei documenti in questione. Ottenuta l'autorizzazione ministeriale, il passaggio successivo sarà la sottoscrizione (forse già la prossima settimana) di un protocollo d'intesa con la prefettura per attivare questo sistema. Se tutto andrà come previsto, entro giugno l'innovativo servizio sarà attivo e, comodamente da casa, si potrà chiedere e ricevere il classico certificato di residenza piuttosto che uno stato di famiglia, senza attese allo sportello. «Tramite la carta regionale dei servizi o una password utente rilasciata dal Comune, una persona dal pc di casa, connettendosi, potrà ottenere certificati anagrafici e di stato civile che avranno valore legale grazie al timbro digitale che garantisce l'immodificabilità del documento. Il tutto a costo zero – spiega il responsabile dell'ufficio servizi demografici del Comune, Roberto Cassani – Questi certificati, infatti, saranno esenti dei diritti di segreteria. Procedura che consentirà di ridurre i tempi d'attesa allo sportello, così come i costi di produzione dei certificati da parte del Comune. Le potenzialità di questo sistema sono molteplici e progressivamente tutti i servizi diventeranno interattivi, fermo restando che sarà comunque mantenuto lo sportello. In questa fase si partirà con i servizi demografici (stato civile e anagrafe), poi la procedura si potrà facilmente estendere anche alla parte tributaria». Una scommessa sul futuro in cui crede il sindaco Gianni Clerici: «Con questo sistema una persona da casa potrà ottenere il rilascio di un certificato di residenza piuttosto che altri atti di stato civile e anagrafici senza dover andare in municipio e in prospettiva potrà accedere a tutta la documentazione per concorsi, iscrizioni ai vari servizi scolastici e quant'altro. Così facendo si semplifica davvero il rapporto tra il cittadino e la pubblica amministrazione. Nella lettera autorizzativa, il ministero ha manifestato il proprio apprezzamento e sostegno al processo innovativo avviato dal nostro Comune».

f.angelini

© riproduzione riservata