Domenica 05 Giugno 2011

Valbrona, giocano alla guerra
con il carro armato nel bosco

VALBRONA Un grande gioco di guerra, un impressionante dispendio di forze belliche con oltre cento persone impegnate, un elicottero, un carro armato, una postazione contraerea e un gommone militare. Il gioco di ruolo su vasta scala che ha impegnato sabato Blackmamba, Spam, Blaze, Ombra, Max e Re Leone – questi i nomi di battaglia di alcuni protagonisti - si è articolato su un'area di diversi paesi, da Lasnigo fino a Valbrona e Canzo, con una spesa superiore ai seimila euro. Di ricostruzioni così fedeli, come quella messa in scena dal "Soft air club i Mercenari" di Lecco se ne realizzano pochissime in Italia. Vi partecipano otto squadre tra le migliori di tutta Italia, anche dalla Sicilia. Per gli appassionati di questo grande gioco di guerra, d'altra parte, avere da conquistare un vero carro armato francese della Seconda guerra mondiale e dover penetrare nel territorio nemico dov'è attiva una postazione contraerea è un divertimento unico.
«Si tratta alla fine di un gioco di ruolo, questo vorrei fosse chiaro, non siamo degli esaltati che vogliono la guerra – spiega il presidente del club di soft air di Lecco Andrea Beri -. Si gioca su un percorso di quaranta chilometri, con un dislivello di duemila metri muovendosi in assetto tattico, quindi con circa quindici chili da trasportare». Gli iscritti pagano 150 euro a testa: «La quota per metà però viene spesa per il trasporto in elicottero, 75 euro a testa, fino al punto di partenza delle missioni che si dipanano tra il Lago di Como, i Corni di Canzo e i boschi di un'ampia area».
I fucili, il bazooka fanno solo il rumore dell'arma, il carro armato delle forze armate francesi protagonista della Seconda guerra mondiale ha il tappo di plastica rosso nella canna. Militari ma innocui insomma, come bambini che giocano alla guerra e s'immedesimano il più possibile, senza credersi Rambo, ma solo pedine in un grande gioco.

m.butti

© riproduzione riservata