Lunedì 06 Giugno 2011

Lenno: ragazzi detective
contro furti e maleducati

LENNO Spie no, vigilantes sì, tutto per un paese bello, accogliente, pulito. I ragazzi vengono mobilitati per mantenere Lenno in ordine con particolare riferimento al lungolago del Golfo di Venere, alla piazza della chiesa, alle aree attigue al municipio e alle strade dell'entroterra che portano al Sacro Monte della Madonna del Soccorso, dichiarato dall'Unesco patrimonio dell'umanità.
Il sindaco Mario Pozzi e il vice-sindaco Sonia Botta hanno deciso di recarsi nelle aule e chiedere aiuto agli scolari, non tanto per inoltrare segnalazioni agli amministratori pubblici in municipio o agli agenti della polizia locale, quanto per sensibilizzare chi commette delle infrazioni a seguire linee di buon comportamento. Una semplice frase di rimprovero vale più di una multa.
«Sembra incredibile - denuncia Sonia Botta - ma ci sono persone maleducate che portano via dai contenitori i sacchetti messi a disposizione gratis per la raccolta delle deiezioni dei cani. Sono puliti, sembrano essere fatti su misura per gli usi domestici in particolare per la conservazione dei cibi nel freezer. I contenitori appena riempiti vengano immediatamente svuotati e le conseguenze agli effetti dell'igiene e della pulizia delle strade si notano subito. Sono d'accordo sul fatto che nel momento in cui uno esce di casa con il proprio cane debba portare sacchetto e paletta, ma il comune ha voluto fare un passo in più nella collocazione delle cassette per la distribuzione gratuita. Se si va avanti di questo passo saremo costretti a inasprire le contravvenzioni e a introdurre il pagamento dei sacchetti».
Il colloquio nelle scuole, secondo gli amministratori lennesi, è stato assai positivo anche per quanto riguarda la sensibilizzazione al rispetto delle regole per la raccolta differenziata che merita di essere incrementata.
«Ci siamo accorti – aggiunge Sonia Botta – che i ragazzi per quanto riguarda il rispetto del verde e la salvaguardia dell'ambiente sono più sensibili dei grandi. Per questa ragione intendiamo portare avanti l'azione informativa e educativa proprio nelle scuole con frequenti contatti in modo da illustrare di volta in volta le novità che si intendono introdurre per il miglioramento dei servizi. Quello delle deiezioni dei cani è un aspetto importante anche per l'igiene pubblica. Il problema esiste dappertutto, ma a Lenno faremo di tutto per affrontarlo con severità».

f.angelini

© riproduzione riservata