Martedì 05 Luglio 2011

Anonymous, blitz anti hacker
Il capo è un italiano di Lugano

COMO Avrebbe organizzato gli attacchi informatici contro siti istituzionali (come quelli di Camera, Senato o del governo) e di grandi aziende (Finmeccanica, Enel, Mediaset e Rai). E' questo il sospetto che ha spinto la polizia postale a chiedere e a ottenere dai colleghi del Canton Ticino a fare irruzione in un'abitazione di Torricella, piccolo comune nella zona di Lugano Nord e hanno denunciato un 26enne. Sarebbe lui il presunto capo della cellula italiana di Anonymous, rete di pirati informatici responsabile di attacchi web a numerosi siti istituzionali e di grandi aziende. L'organizzazione mondiale, nei giorni scorsi, aveva addirittura fatto breccia nei server della Apple e, prima ancora, in quelli della Fbi.
In totale sono una quindicina le persone denunciate, tra queste anche cinque minorenni.

p.moretti

© riproduzione riservata

Tags