Domenica 21 Agosto 2011

Cermenate: scoppia incendio
nella notte al ristorante-pizzeria

CERMENATE<+G_TONDO> Il vicino si è svegliato ancora assonnato verso le quattro del mattino. Nell'aria, ha sentito odore di bruciato. E' uscito sul balcone della sua casa di ringhiera, al primo piano, e ha visto una colonna di fumo grigio alta una decina di metri, innalzarsi dal vicino ristorante. Quando ha sgranato gli occhi, sul piazzale del Settimocielo, c'erano già i pompieri, arrivati al volo per spegnere le fiamme.
I vigili del fuoco, l'altra notte, sarebbero rientrati soltanto quattro ore dopo al distaccamento di Cantù, dopo aver sedato una volta per tutte il fuoco, sotto lo sguardo di diversi nottambuli rimasti a osservare, dal bordo della Novedratese, l'inaspettata attrazione, con apprensione mista a curiosità. Danni materiali che si possono immaginare anche ingenti, con un'auto e alcuni locali sotterranei bruciati. Ma, per fortuna, nessun ferito.
L'incendio, prima dell'alba di sabato, nella costruzione più simile a una villa che a un ristorante. Il cartello bianco con la sagoma del cappello da chef lo conoscono tutti, coloro che sono di passaggio tra Cantù e Lomazzo, attraverso la periferia esterna di Cermenate.
Il ristorante Settimo Cielo propone cocktail party, banchetti, colazioni di lavoro. Un forno a legna, ampio spazio per i coperti, sala per banchetti. In questi giorni, dice un ragazzo che abita a poca distanza da lì, è chiuso per ferie. Vetri chiusi, imposte accostate. Le cause per cui si sarebbe avviato l'incendio, a un'ora in cui difficilmente ci sarebbe stato qualche cliente - per di più, in una giornata non lavorativa - sono ancora in corso di accertamento.
Secondo quanto ricostruito nelle prime ore, le fiamme si sarebbero comunque sviluppate dai locali al di sotto del ristorante. Propagate quindi all'interno del locale, definito come dormitorio. Avrebbero continuato il proprio percorso di distruzione sino a coinvolgere anche il garage. Nell'incendio è stata danneggiata anche un'automobile, una Bmw 3, intestata ai proprietari del locale.
I danni, a ieri, non erano stati ancora quantificati. I ristoratori potranno comunque, molto probabilmente, ripagare almeno parte dei danni con il rimborso dell'assicurazione. Nessun ferito, fortunatamente. L'autorità giudiziaria è stata informata da quanto avvenuto dalla stazione dei carabinieri di Cermenate e dal nucleo radiomobile di Cantù, intervenuti sul posto. Per le operazioni di spegnimento, oltre ai pompieri arrivati da Cantù, con un'autopompa e un'autobotte, anche i volontari di Lomazzo, allertati per far fronte al finale di nottata. L'ultimo mezzo dei vigili del fuoco è rientrato in rimessa in via Bolzano, nella città del Mobile, quando il sole iniziava ad alzarsi, alle otto meno un quarto del mattino.
Ieri, poca o nessuna voglia di parlare da parte dei proprietari. Al mattino hanno aperto le finestre del salone al piano terra, per scacciare l'odore di brucio. Al pomeriggio erano fuori per commissioni. In serata, al numero del ristorante indicato sulla rubrica, non rispondeva nessuno.

l.barocco

© riproduzione riservata