Venerdì 09 Settembre 2011

Autobus per l'ospedale
Cento corse al giorno

SAN FERMO DELLA BATTAGLIA Partirà lunedì prossimo la navetta fra la stazione delle Nord di Grandate e l'ospedale Sant'Anna.
La fase di sperimentazione si concluderà il 22 dicembre, e solo allora si tireranno le somme per capire se il servizio sarà stato utilizzato e potrà diventare permanente. Per dare seguito alle promesse fatte al consigliere socialista Fabio Moltrasio, che tanto si era speso su questo argomento negli ultimi mesi, l'Amministrazione provinciale ha investito 24mila euro. In questo modo anche chi dovrà recarsi nel nuovo ospedale partendo dal territorio a sud di Como potrà farlo con i mezzi pubblici, prima il treno e poi il bus. Fruire del servizio sarà facile, basterà infatti dotarsi di un biglietto urbano (1,25 euro) alla rivendita della stazione o a quella dentro l'ospedale: «Gli orari sono costruiti per creare un pratico interscambio con i treni, sia per chi va, sia per chi viene - ha spiegato l'assessore alla viabilità provinciale Patrizio Tambini -. In un momento di difficoltà a reperire le risorse abbiamo fatto uno sforzo per creare questo collegamento, e se ne constateremo l'utilizzo avremo il piacere di confermarlo».
Al momento non è dato sapere dove verrebbero trovati i 100mila euro necessari per il funzionamento di un intero anno, ma sia l'assessore sia il dirigente Giuseppe Cosenza garantiscono che ci saranno e non comporteranno né tagli né aumenti.
Da lunedì, con l'entrata in vigore dell'orario invernale, ci saranno altre due novità sui trasporti locali. Il servizio navetta stazione-ospedale, attivo nei giorni scolastici, integrerà quello della linea 12 che verrà modificato per raggiungere il Sant'Anna dopo aver attraversato Breccia. Infine, verrà prolungata anche la linea 6 (Maslianico-Breccia) per consentire di raggiungere direttamente l'ospedale. Questi nuovi collegamenti si sommano alla linea 1H, portando le corse da e verso il Sant'anna al numero complessivo di 112, nei giorni feriali.


Leggi i dettagli su "La Provincia" del 9 settembre

f.angelini

© riproduzione riservata