Venerdì 30 Settembre 2011

Omicidio di Livo, parla il vedovo
"Pochi 18 anni all'assassino"

LIVO Diciotto anni da trascorrere rinchiusi in prigione sono tanti, ma se inflitti a chi è colpevole di omicidio possono sembrare anche pochi. È il conto presentato dalla giustizia a Valindo Rossini, che il 3 dicembre dello scorso anno uccise con tre colpi di pistola la sua vicina, Pierina Alietti.

«In questo anno non ho certo vissuto in attesa di conoscere l'entità della condanna dell'omicida - assicura Emilio Gherbi, il marito della vittima - . Diciotto anni, tuttavia, non mi sembrano molti alla luce di quel che è successo. Si fosse trattato di una lite, con una pistola spuntata all'improvviso dopo che i contendenti erano venuti alle mani, avrei potuto capire. Mia moglie invece, ha ricevuto tre colpi di pistola nella schiena mentre era diretta a recuperare la sua capra che aveva sconfinato nella proprietà altrui. Una reazione del genere è inconcepibile e non merita alcuna attenuante. Non ho ancora potuto parlarne direttamente con i miei figli, ma nei loro sguardi ho letto le stesse mie impressioni».

Il resto dell'articolo su La Provincia stamattina in edicola

g.devita

© riproduzione riservata