Giovedì 22 Dicembre 2011

Le associazioni di Cantù
ospiti nella stazione fantasma 

CANTU' - Una sede per le associazioni canturine a costo zero per il Comune.  E un modo per ridare vita a una delle aree più controverse del centro cittadino, quella della stazione ferroviaria di via Vittorio Veneto. Ben poco sfruttata dai pendolari e a lungo costata 20.000 euro annui d'affitto, anche se oggi si è scesi a 3.500. E si spera ancora, in futuro, di riuscire ad acquisirla.

Ora la palazzina di proprietà di Rete ferroviaria italiana potrà essere affidata in comodato d'uso gratuito per cinque anni alle associazioni cittadine, e si sono fatti avanti gli Scout, il Club ciclistico canturino e l'Avis, anche se quest'ultimo pone molti dubbi per via delle spese consistenti di ristrutturazione necessarie, 30.000 euro almeno.

Sul quotidiano La Provincia del 22 dicembre l'articolo completo

r.bianchi

© riproduzione riservata