Giovedì 29 Dicembre 2011

Ronago, rapina in Ticino
le indagini nel Comasco

RONAGO La rapina a un distributore di benzina, l'ennesima degli ultimi mesi, è stata messa a segno in Ticino, a Novazzano, ma le indagini sono in corso anche nel Comasco, dove secondo gli inquirenti è fuggito il bandito.
L'assalto al distributore Shell di Novazzano, con un bottino di circa 600 euro, sta rinfocolando in Ticino la polemica sul'assenza (e l'eventuale ripristino) delle guardie fisse ai valichi. In realtà, i controlli di retrovalico sia dei carabinieri della compagnia di Como, sia della polizia cantonale, stanno dando frutti in termini sia di arresti che di recupero della refurtiva come era accaduto nei mesi scorsi.

Anche per la rapina di Novazzano le indagini sono in corso soprattutto nel versante italiano, dove è quasi certamente fuggito l'autore dell'assalto. Dopo la rapina, la segnalazione è scattata al Ccpd di Chiasso (Centro comune di cooperazione di polizia e dogane) e si sono attivati per presidiare la zona di confine a Ronago e Bizzarone da parte dei carabinieri di Faloppio. I militari hanno effettuato diversi controlli e, nelle prossime ore, non è escluso che quest'attività di retrovalico possa dare frutti.
Fra settembre e ottobre i controlli incrociati erano invece stati organizzati da carabinieri e polizia cantonale in occasione di una serie di furti in abitazione nella fascia di confine.

g.devita

© riproduzione riservata