Martedì 31 Gennaio 2012

Pdl spaccato sul sindaco
Butti frena sulle primarie

COMO Gli occhi della politica comasca e, soprattutto quelli degli esponenti del Pdl, sono rivolti al Lazio. A Frosinone per la precisione, dove domenica si sono tenute le primarie per la scelta del candidato sindaco, primo esperimento del centrodestra. Sul tavolo comasco ci sono al momento due nomi sicuri e uno ancora indeciso. «Ben vengano le primarie - dice il presidente di Acsm-Agam ed ex assessore a Palazzo Cernezzi Umberto D'Alessandro - in assenza di un unico nome condiviso». Pronto a candidarsi? «Sicuramente sarò interessato».
Pronto a scendere in campo l'assessore alla Cultura SergioGaddi: «Premesso che sono favorevole ad ogni consultazione tra i nostri iscritti, a partire dai congressi, è del tutto evidente che in questa fase la priorità di individuare il candidato sindaco vince sul congresso». Sull'utilità della consultazione popolare Gaddi non ha dubbi: «In questa fase credo che le primarie siano lo strumento preferibile per scegliere il candidato sindaco». L'assessore non usa giri di parole per rispondere alla domanda sulla sua candidatura: «Non c'è dubbio. L'unica condizione è che siano primarie aperte a tutti». Il messaggio, insomma, è chiaro.
Guarda con favore alle primarie anche Alessandro Colombo, ex assessore della giunta Bruni e ora presidente di Comodepur: «Sono favorevole alle primarie aperte a tutti e sosterrò questa posizione in tutte le sedi». In vista del congresso provinciale - che probabilmente si terrà il 18 febbraio, anche se non è ancora ufficiale - Colombo dice: «Elaborerò un documento che rappresenti l'anima liberale di Forza Italia del'94».
Patrizio Tambini: «Rimango del parere che in questo momento le primarie siano opportune». Disponibile a candidarsi alle primarie come sindaco? «Ad oggi no».
Il coordinatore provinciale, il senatore Alessio Butti però avverte: «Le primarie sono solo di coalizione, in cui i singoli partiti o gruppi esprimono un candidato. Ad oggi non sappiamo con chi correremo, attendo indicazioni dai vertici. Frosinone è un caso scolastico e lì erano primarie di coalizione. Nessuno è contrario a priori, ma occorre che abbiano senso».
Assolutamente favorevoli alle primarie i consiglieri regionali Gianluca Rinaldin e Giorgio Pozzi.
Ecco il documento con i nomi,

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola martedì 31 gennaio

a.savini

© riproduzione riservata