Domenica 19 Febbraio 2012

Addio alla maestra Maria
Ha cresciuto l'intero quartiere

LORA Dal 1938 per tutti nel quartiere Maria Corti, morta da pochi giorni, all'età di 96 anni, è la maestra che ha visto crescere bambini di ogni generazione. Ma c'è molto di più. Perché con il suo esempio ha insegnato passione, fiducia nei giovani e per i suoi familiari è stata anche una mamma coraggiosa e una grande nonna.
«Era riservata, piena di iniziative e ha sempre amato stare tra la gente - raccontano le figlie Carla e Franca Noseda, entrambe insegnanti - nella sua professione era severa nel senso che ogni giorno faceva lavorare tanto gli alunni perché teneva molto che uscissero dalla quinta preparati».
E in tempi in cui non esisteva l'obbligo scolastico per molti è stata anche l'unica maestra della vita. Con la stessa passione ha insegnato senza mai fare distinzioni tra gli alunni e quando a scuola erano solo due maestre uniche per cinque classi che arrivavano fino a quaranta bambini. Ma è stata anche la prima a proporre un percorso di insegnamento alla Casa di Gino, una delle poche donne con la patente e non si è mai risparmiata quando si trattava di dare una mano.
«Finiti scuola e doposcuola prendeva la sua bicicletta per andare alla Casa di Gino ed è riuscita a portare alcuni bambini fino alla quinta» racconta Carla.
Tutto sempre in modo gratuito. E anche quando il giovedì era il giorno di riposo in cui non si andava a scuola apriva le porta di casa sua agli alunni.
«Di solito facevano francese o matematica - ricorda Franca - anche chi era già alle medie sapeva su chi contare in caso di bisogno». E per la maestra Corti tutti gli allievi sono sempre stati uguali.


Leggi le due pagine sui quartieri su La Provincia in edicola lunedì 21 febbraio

a.savini

© riproduzione riservata