Giovedì 23 Febbraio 2012

Calicione in piazza a Erba
"Meglio al cimitero"

ERBA - Un grande calice per una piazza piccola. In sintesi il problema è tutto qui. La proposta di Filippo Pozzoli di rimettere l'opera davanti al Comune è stata accolta dall'amministrazione, ma le difficoltà pratiche sono state da subito evidenti. Per realizzare il vecchio sogno dell'ex sindaco Pozzoli non sembrano esistere più le condizioni necessarie. Il rifacimento, risalente ormai a sei anni fa, ha cambiato gli spazi e dato un aspetto più minimalista alla piazza, accentuato dalla fontana geometrica. Lo sottolineava lo stesso progettista Marco Castelletti, ma si trova d'accoro con lui lo stesso assessore ai lavori pubblici Paolo Farano.

«Ritengo - spiega Farano, architetto oltre che amministratore - che il calice non si adatti più alla piazza così come è stata razionalizzata oggi. Ridargli la stessa collocazione di prima sminuirebbe sia l'opera, sia la piazza prepositurale che ha acquisito delle forme molto più moderne. Si rischia di ottenere un effetto sgradevole». E fin qui il parere professionale dell'architetto Farano che sul piano politico aggiunge: «Il calice ha un valore affettivo che va in ogni caso valorizzato - continua - Per questo sarà preferibile  considerare una serie di ipotesi per trovargli la collocazione più idonea. Tra queste credo che il Cimitero Maggiore possa essere il luogo più adatto. Ci sarebbero gli spazi e i valori trasmessi dall'opera assumerebbero un significato anche più intenso».

Chi invece afferma di assistere con fastidio ai risvolti politici che riguarderebbero la mozione del consigliere Filippo Pozzoli è Giovanna Marelli. Secondo la rappresentante di Altracittà si tratterebbe di un'operazione puramente elettorale, sul filo di lana delle elezioni.
«Ancora una volta, purtroppo - scandisce la Marelli - l'uso dei temi religiosi è stato solo strumentale ad altri interessi. Con grande astuzia l'ex sindaco Pozzoli ha saputo riportare all'attenzione un tema che gli è caro in una fase indiscutibilmente pre elettorale. Ha così strappato un impegno alla giunta che ha dato il suo assenso solo per introiettare qualche voto in più. La strumentalizzazione di un valore come la religione appare ancora più di cattivo gusto».

Tornando a parlare dell'opera in sé Marelli ricorda che le proposte in merito alla collocazione erano sempre state tante e diverse
«Già al tempo del rinnovamento della piazza furono ipotizzate tante altre soluzioni. Ad esempio il giardino della chiesa, qualora la parrocchia stessa sia d'accordo. Spero che nei due mesi che verranno si dia più valore al significato dell'opera e non al suo utilizzo».    

g.devita

© riproduzione riservata