Giovedì 15 Marzo 2012

Paga 500 mila euro
per patteggiare l'evasione

OLGIATE Con una sentenza che ha pochi precedenti - forse addirittura nessuno - il tribunale di Como ha fatto incassare all'Agenzia delle entrate la bellezza di mezzo milione di euro, versati da un imprenditore accusato di evasione fiscale, che avrebbe voluto patteggiare la condanna. Il giudice dell'udienza preliminare Maria Luisa Lo Gatto ha vincolato il patteggiamento al bonifico della somma, così come prevede l'attuale normativa. Ha spiegato a chiare lettere che avrebbe acconsentito se avesse avuto in mano il bonifico. E così è stato. Pietro Casagrande, 51 anni, originario di Valmorea, titolare di una grossa impresa di trasporti con sede oltre confine, ha potuto patteggiare sette mesi di detenzione, convertiti in una multa di 54mila euro, chiudendo così i suoi conti sia con la giustizia, sia con il Fisco.
Casagrande era accusato di avere nascosto un bel po' di reddito, nei periodi di imposta relativi agli anni 2006, 2007 e 2008. Pagando quei 500mila euro ha potuto patteggiare una multa di 54mila.

Leggi i dettagli su "La Provincia" del 15 marzo

f.angelini

© riproduzione riservata