Domenica 13 Maggio 2012

Cermenate, gemellaggio
come simbolo antimafia

CERMENATE Un gemellaggio di Cermenate con il Comune di Petralia Soprana (Palermo). La proposta è uscita al convegno "Lavoro punto fermo", sabato in municipio, durante la giornata di confronto e approfondimento sulle esperienze concrete di lotta alla criminalità organizzata. L'idea è stata proposta dal direttore del Centro studi sociali contro le mafie "Progetto San Francesco", Alessandro De Lisi> e Carlo Li Puma: il nipote di Epifanio Li Puma, sindacalista socialista ucciso dalla mafia nel 1948, difensore dei braccianti nella lotta contro il latifondismo, in memoria del quale in mattinata è stato piantato un albero.

La presidente del Tribunale di Milano Livia Pomodoro si è poi soffermata sul fenomeno mafioso e la sua infiltrazione nel Nord del paese: «La mafia si radica laddove vi è la possibilità di un concreto sfruttamento dell'economia in termini di profitto incontrollato». Ha poi ricordato la sua esperienza condotta nell'àmbito dell'Osservatorio sull'usura: «L'usura sul territorio lombardo è stato uno degli strumenti utilizzati dalla mafia per inserirsi nel territorio, portando all'acquisizione di numerose aziende: si tratta di un fenomeno che va al cuore della criminalità organizzata»

L'articolo completo su La Provincia di domenica

m.butti

© riproduzione riservata