Lunedì 16 Luglio 2012

Ore 19, aperitivo con vista rifiuti
Il centro storico è ancora sporco

COMO Viaggio sul campo per verificare, taccuino e macchina fotografica alla mano, se il richiamo dell'assessore Bruno Magatti ai comaschi di una maggiore attenzione delle regole sullo smaltimento dei rifiuti viene rispettato.
A quanto pare però, almeno in centro storico le abitudini stentano a cambiare. Sabato sera alle 19, in pieno orario aperitivo, le intricate vie della città murata si presentavano costellate di spazzatura di ogni genere: dal piccolo sacchetto del supermercato pieno di immondizia, alle cassette della frutta accuratamente impilate ai margini del colonnato dietro il duomo, fino ad arrivare alle grosse scatole di cartone abbandonate sotto i portici di via Pietro Boldoni. Neanche piazza San Fedele viene risparmiata: sacchetti traboccanti di spazzatura e uno scatolone circondano il cestino comunale, proprio al limite del sagrato della chiesa.
A quell'ora, però, i bar sono pieni di persone che si godono un suggestivo aperitivo in centro e che, dopo aver degustato l'ultimo goccio di spumante, si riversano nei viali della città murata per una passeggiata. A riempire le strade cittadine sono soprattutto turisti stranieri e visitatori occasionali che scattano fotografie e osservano le vetrine dei negozi cercando di schivare i sacchetti abbandonati.
La situazione sembra migliorare in periferia. Delle sette vie che in questi giorni hanno ottenuto la maglia nera da parte dell'amministrazione comunale e da Acsm Ambiente-Econord, solo due risultano ancora inquinate: piazza Atleti Azzurri e Piazza San Rocco. In piazza Atleti Azzurri, ancora venerdì sera scorso, sono stati trovati rifiuti ammucchiati a ridosso della campana del vetro.
Fuori posto anche i sacchi abbandonati in piazza San Rocco: alcuni tralasciati nei pressi della campana per la raccolta differenziata del vetro, altri accatastati sotto il cestino appena prima dell'imbocco di via Milano. Inoltre, a partire dalle 20.30 fino a mezzanotte e mezza circa, i comaschi indisciplinati sembrano essere aumentati e, con loro, la volumetria dell'immondizia.
In viale Geno, venerdì scorso, era in corso un evento serale all'aperto e, a parte poche cartacce gettate a terra da qualche passante indisciplinato, la strada è rimasta sgombra. Dopo essere stata annunciata la tolleranza zero per chi abbandona la spazzatura fuori posto, e con le multe che potrebbero iniziare a fioccare da un momento all'altro, persino la zona di Villa Olmo si adegua e resta pulita anche dopo la chiusura dei locali presenti nel parco. Lo stesso vale per via Pino, il parcheggio di via Palma e piazzale Anna Frank che, questa volta, non sgarrano.
Davide Scardillo

a.cavalcanti

© riproduzione riservata