Giovedì 26 Luglio 2012

Terza corsia dell'A9
Addio alle code

COMO Sull'A9 a tre corsie si va che è una meraviglia. Nel giorno in cui la città è paralizzata dal cambio dei semafori a Camerlata e da un incidente in Napoleona, la notizia è che in autostrada non ci sono code. Si va come sulle highway americane. Senza traffico e alla larga.
La terza corsia è stata aperta con otto mesi mesi di anticipo. Un miracolo dopo vent'anni di code, sbuffi,  attese e incidenti. Ci sono opere di cui si parla sempre e diventano fantasmi. Poi un giorno - in questo caso il 27 luglio del 2009 - succede che i lavori partono davvero. Di solito, però, il cantiere inciampa in qualche ostacolo e il fantasma diventa un incubo che deturpa i paesaggi.
In questo caso, invece, è andato tutto talmente bene che Società Autostrade si è smentita in positivo.
Ilavori di ampliamento del tratto tra Lainate e Grandate, 23 chilometri salvavita per i mega ingorghi a Laianate, sono finiti prima del previsto.
La previsione era: apertura marzo 2013.
Ora i cartelli lungo il percorso della Chiasso Lainate celebrano l'avvenimento.
«È stata aperta anche la terza corsia in direzione sud, da Como a Milano come avevamo annunciato pochi mesi fa a Turate», annuncia Raffaele Cattaneo, assessore alle Infrastrutture e mobilità della Regione Lombardia -. Questo intervento compresi i costi della quinta corsia della tratta di confluenza della A8 e della A9 fino alla barriera di Milano Nord, è costato 430 milioni senza neppure un euro di investimento di contributo pubblico ed è stato realizzato nel rispetto dei tempi, anzi in anticipo e dei costi previsti».
Un miracolo, appunto.

Leggi gli approfondimenti su La Provincia in edicola mercoledì 26 luglio

a.savini

© riproduzione riservata