Lunedì 01 Ottobre 2012

Cinquanta posti a rischio
Colpa della gestione rifiuti

ALBAVILLA Revoca delle autorizzazioni alla gestione dei rifiuti da parte del settore ecologia dell'amministrazione provinciale per "Il Truciolo spa", azienda di recupero e trasformazione degli scarti legnosi. Per l'azienda se venisse confermata la revoca, subito impugnata dalla società, sarebbe sospesa la produzione e si metterebbe a rischio il posto di lavoro di cinquanta dipendenti.
Difformità sul quantitativo e la tipologia del materiale trattato: è quanto ha rilevato l'Arpa nel sopralluogo dello scorso 20 agosto. L'intevento era stato sollecitato dai cittadini, costituitisi in comitato, che da tempo segnalavano la presenza di polveri e miasmi irrespirabili.
Nel provvedimento si legge che il quantitativo di rifiuti autorizzato è di 1.070 metri cubi, mentre in realtà se ne rilevano circa 1.800 metri cubi. Si parla poi di «tipologia di rifiuto in sacchi neri contenenti imballaggi alimentari e rifiuti putrescibile e maleodoranti non compreso nell'autorizzazione», poi ancora si rimarca la «presenza di dieci cassoni di circa venti metri cubi cadauno in area non autorizzata contenenti rifiuti in plastica», più altre diverse inadempienze rispetto a quanto autorizzato.
L'azienda replica, sostenendo che la situazione è stata sanata, e che i numeri, i quantitativi presenti rispetto a quelli autorizzati, sono da verificare, perché la propria valutazione è diversa da quella dell'Arpa. Insomma si annuncia un contenzioso, ma già in un paio di settimane la situazione dovrebbe essere più chiara.

f.angelini

© riproduzione riservata