Martedì 02 Ottobre 2012

HexacordEnsemble da applausi
Grande chiusura di rassegna

ALZATE BRIANZA Qualsiasi definizione va stretta, basta il prestigioso risultato musicale con il quale si presentano. I giovani e giovanissimi componenti l'HexacordEnsemble, ospiti dell'appuntamento conclusivo della terza rassegna "Musica in villa" ad Alzate Brianza, hanno dato il meglio di loro stessi nell'incantevole cornice del Salone da ballo del Castello Durini, chiudendo nel migliore dei modi il cartellone di cinque concerti che ha occupato tutto il mese di settembre. Il gruppo di musica d'insieme - ensemble cameristico, orchestra di chitarre o come lo si voglia denominare - formatosi sotto la guida esperta dei docenti del Centro chitarristico "Francisco Tàrrega" di Pordenone, ha dato dimostrazione di come giovani d'età compresa fra i 14 e i 19 anni possano crescere armoniosamente nel nome della musica: qualità del suono e della tecnica, gusto e attenzione per l'insieme, capacità di ascoltarsi hanno deliziato il pubblico. Tanto eterogeneo quanto coinvolgente e dimostrazione di aver capito l'oggi il repertorio: la trascrizione di Vivaldi (l'Allegro del celebre Concerto per liuto in re),  l'originalità spagnola del Novecento di Federico Moreno Torroba fino a contemporanei di immediato impatto ma non banali come Carlo Domeniconi hanno messo in pratica nel modo più efficace quella che dovrebbe essere la lettura del linguaggio musicale dell'oggi, una musica pronta ad emozionare nella fusione degli stili evitando la semplificazione sterile ma conservando fantasia di elaborazione nella scrittura. Magari, passando attraverso esecutori freschi e capaci come i giovani friulani, che non avevano mancato di mettersi in luce individualmente a inizio concerto con serietà e preparazione.
La partecipazione veramente numerosa del pubblico, certamente attratto dalla rara bellezza del castello brianteo, è stata comunque una conferma: anche gli altri appuntamenti della rassegna, dal concerto dei giovanissimi della locale Accademia Giovani Talenti di Claudia Boz alla Butterfly della scuola comasca Nota su Nota ai fiati di Spazio Ultima Frontiera risalendo fino al gemellaggio iniziale con il Bellagio Festival avevano richiamato nelle dimore storiche di Brianza tanta gente.
Stefano Lamon

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags