Sabato 01 Dicembre 2012

Senna, malore in chiesa
E' grave l'ex parroco

SENNA Apprensione anche a Senna per la sorte di don Pietro Eugenio Orsi, 54 anni, ex parroco, colpito ieri mattina da malore mentre celebrava la prima messa della giornata nella chiesetta di San Rocco a Molteno dov'è attualmente.

Al momento dell'offertorio, sotto gli occhi di quanti partecipavano alla funzione, il sacerdote ha barcollato e s'è accasciato, accusando sintomi come vista annebbiata e occlusione alla gola: questo ha riferito ai medici dell'ospedale di Lecco dov'è giunto poco dopo, fortunatamente cosciente e vigile.

Si è sentito male attorno alle 7, mentre stava celebrando: nella chiesetta risulta fosse presente un medico - una nota dottoressa dell'ospedale di Erba - che ha prestato una prima, immediata assistenza; subito soccorso, don Pietro è stato poi trasportato al Manzoni di Lecco dove, in tarda mattinata, è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico alla testa, per ridurre probabilmente degli aneurismi che sarebbero all'origine del grave mancamento.

Don Pietro Orsi è a Molteno dall'autunno del 2011, quando è avvenuto l'avvicendamento con il predecessore don Carlo Ambrosoni, parroco di Molteno per 48 anni, al quale è poi stata affidata la piccola parrocchia di Torrevilla, ma nella quale è rimasto tuttavia per breve tempo, colpito da una grave malattia di rientro da un pellegrinaggio in Terra santa per la quale è tuttora ricoverato in una struttura riabilitativa della zona: molti fedeli s'avvicendano nella sua assistenza, essendo l'anziano sacerdote immobilizzato quasi completamente; don Pietro Orsi è invece giovane e i moltenesi confidano in una pronta ripresa; è subentrato a Molteno provenendo da Senna Comasco (dov'era rimasto undici anni, da febbraio del 2000 parroco di Santa Maria Assunta); è nativo di Cabiate: entrato in seminario nel 1972; il 9 giugno 1984 è stato ordinato; il suo primo incarico è stato come viceparroco in «Cristo Re» a Monza, poi in Santa Maria Nascente a Garbagnate Milanese.

e.marletta

© riproduzione riservata