Giovedì 24 Gennaio 2013

A 22 anni all'assalto della Torre Egger
Un erbese tenta l'impresa con i Ragni

ERBA - A volte ritornano, perché non si arrendono. Mai. Come nella migliore tradizione di certo "epico" alpinismo lecchese. Loro sono Matteo Della Bordella, 28 anni, varesino, e Matteo Bernasconi, 30 anni, di Laglio, i due Ragni di Lecco che sono in Patagonia assieme al giovane Luca Schiera, 22 anni, erbese, ormai da cinque giorni, in attesa di riprovare per la terza volta la pericolosa e difficile scalata della parete ovest della Torre Egger, 2850 metri di altezza, l'unica mai domata da rampone di scalatore, in un gruppo montano come quello del Cerro Torre, nel Sudamerica, climaticamente più ostile e suggestivo.

Un'impresa sfiorata dai "maglioni rossi" già in due occasioni: i due alpinisti, ci provarono già nel 2010 - '11 e nel 2011 - '12, quando la scalata, causa maltempo, li fermò a soli 25 metri dalla vetta. Una vera e propria beffa, dopo una lunga e faticosa salita.

La Torre Egger fa parte del massiccio del Cerro Torre e deve il suo nome a quel Tony Egger che vi perse la vita nel 1959, in un drammatico tentativo di scalata. Certamente la meno famosa, ma sicuramente la più tecnica del gruppo, è un vero mito per tutti i più grandi scalatori.

Leggi i particolari nell'edizione de La Provincia in edicola giovedì 24 gennaio

m.delsordo

© riproduzione riservata