Giovedì 24 Gennaio 2013

Maxiantenna di Brunate
Si va verso l'assoluzione

BRUNATE - Si va verso l'assoluzione per il "papà" del tanto contestato "ciclope", la maxiantenna di 60 metri di altezza alle Colme di San Maurizio, enclave comasca In territorio brunatese. Si è arrivati alle conclusioni, all'udienza in tribunale a Como, del processo in cui Carlo Ballabio, imprenditore canturino proprietario di Radio Kappa International, accusato di abuso edilizio ed ambientale.

Il Comune di Como decise di annullare i permessi dopo una revisione delle procedura che portò alla scoperta di due presunte violazioni a vincoli ambientali. Ieri, però, in aula, il pubblico ministero di udienza, Maria Teresa Costanzo, mentre il titolare del fascicolo è Simone Pizzotti, ha chiesto l'assoluzione nei confronti di Ballabio. Tesi, ovviamente, sposata appieno dagli avvocati difensori, Paolo Moroni e Rita Pironti.

Il giudice Walter Lietti ha rinviato il processo a venerdì 8 febbraio, per eventuali repliche delle parti. Nel frattempo il cantiere alle Colme è fermo, in quanto sotto sequestro proprio per il processo in corso.

Leggi i particolari nell'edizione de La Provincia in edicola giovedì 24 gennaio

m.delsordo

© riproduzione riservata