Giovedì 24 Gennaio 2013

Ripopolamento delle acque
I dati del 2012 nel Lecchese

LECCO - L'assessorato provinciale a caccia e pesca ha comunicato i dati riferiti alle semine di novellame e di avannotti immessi nelle acque della provincia di Lecco nel 2012.

Le semine, ad esclusione dell'anguilla, provengono da materiale ittico prodotto nell'incubatoio di Fiumelatte di Varenna. Tutti i lavarelli seminati nelle acque del Lario (entrambe le province) sono stati marcati con Alizarina; la marcatura permetterà di  stabilire, attraverso esami condotti su soggetti catturati con le reti, se gli stessi provengono dall'incubatoio o sono stati generati dalle riproduzioni naturali.

Lavarelli
Immessi nel Lario - larve 813.000;  novellame di 11-25 millimetri: 265.000; 4-6 centimetri: immessi nel Lario 665.790, immessi a Garlate 17.700. Queste cifre comprendono i soggetti immessi dalla Provincia di Como.

Agoni
Immessi nel Lario - larve  350.000; novellame di 3-4 cm (accrescimento nel lago di Annone) 20.000.

Salmerini alpini
Immessi nel Lario - novellame di 4-6 cm 22.370.

Trote
Fario - In torrenti: 36.400 di 6 cm. Marmorate: nel fiume Adda: 1300 di 4-6 cm; 200 di 20 cm.

Lucci
Lago di Annone e fiume Adda: 71.590 di 15-20 cm,lago di Annone più di 3 cm 3.480.

Temoli
Torrente Pioverna: 6.700 di 8-15 cm, fiume Adda: 5.700 di 10-13 cm.

Anguille
Lario e fiume Adda: 250 chili 20-30 cm.

Le immissioni, in totale, sono state maggiori di quelle previste dal piano semine per l'anno appena concluso.
                                                                                                        G. Mac.

m.delsordo

© riproduzione riservata