Martedì 29 Gennaio 2013

Terzo cane avvelenato
Caccia al killer a Gravedona

GRAVEDONA ED UNITI - Era accasciato in giardino, con il respiro affannoso e le pupille dilatate. Il proprietario l'ha portato immediatamente dal veterinario ipotizzando subito un avvelenamento e i suoi timori, purtroppo, si sono rivelati fondati. Il segugio bavarese che si è cibato di bocconi al veleno, volutamente buttati da qualcuno come esca, ieri era ancora vivo, ma secondo il medico che l'ha visitato ben difficilmente se la caverà.

«È destinato a fare la stessa fine degli altri due miei segugi» - dice il proprietario, Davide Cassera Moretti, appassionato cacciatore, che risiede a Gravedona lungo la strada di Negrana - «In meno di due anni è il terzo cane che mi avvelenano. Non ho nemici e l'unico motivo che può spiegare la volontà di uccidere i miei animali è il fastidio, se così si può chiamare, che potevano recare al vicinato».

«Stavolta ho deciso di sporgere querela e spero proprio che le forze dell'ordine possano risalire in qualche modo ai colpevoli» - prosegue - «Buttare bocconi avvelenati nel giardino altrui è un'azione a dir poco riprovevole: potrebbe ingerirli, infatti, anche un bambino inconsapevole che li raccolga da terra».

Sul caso i carabinieri della stazione di Gravedona hanno già avviato i primi accertamenti.

Leggi i particolari nell'edizione de La Provincia in edicola martedì 29 gennaio

m.delsordo

© riproduzione riservata