Giovedì 31 Gennaio 2013

Il Coni cambia ruolo e volti
Alla guida ora c'è Botta jr

COMO - La falce che si è abbattuta sulle sedi provinciali, non ha risparmiato il Coni di Como, che in oltre trent'anni di gestione del compianto presidente Alberto Botta, ha saputo creare una  struttura organizzativa di volontariato tra le più efficienti in Lombardia e persino presa a modello dai vertici romani.

L'altra sera, nella sede di viale Masia, è avvenuto il passaggio di consegne da parte del reggente Riccardo Barbera al delegato provinciale, la nuova figura creata dalla ristrutturazione "romana" che sarà l'unico referente del territorio al Coni regionale di Milano.

Si tratta di Marco Botta, figlio d'arte, che ha accettato l'incarico per continuare l'opera portata avanti con tanta passione e competenza dal padre Alberto. Marco Botta, 33 anni, professionista nello studio del padre con il fratello Stefano, è anche docente di scienze bancarie all'Università Cattolica di Milano. Come il padre pratica con successo lo sport del  fioretto e della spada.

e.ceriani

© riproduzione riservata

Tags