Sabato 09 Febbraio 2013

Il Ministero è in ritardo
Supplenti senza stipendio

Migliaia di supplenti precari della scuola sono senza stipendio dal mese di novembre. E questo per colpa del sistema informativo del Ministero che è stato aperto solo pochi giorni fa.

Con la spending review approvata a luglio, dal mese di gennaio anche i supplenti saltuari  -  che accettano incarichi di pochi giorni, ma che possono arrivare anche al mese intero, per assenze brevi dei titolari  -  vengono pagati direttamente dal ministero dell'Economia, come avviene per i docenti di ruolo. Ma il sistema informativo che avrebbe dovuto consentire alle scuole di caricare i contratti dei supplenti è stato aperto solo pochi giorni fa. Per gli stipendi di novembre e dicembre le scuole erano a corto di fondi e in alcuni casi li hanno anticipati con la promessa che li avrebbero riavuti quanto prima. Ma le scuole a corto di liquidi non hanno pagato ai supplenti neppure i giorni lavoratia novembre.

Il numero di supplenti in queste condizioni è di 25.000, se si ipotizza che tutti lavorino per l'orario giornaliero intero e per sei giorni settimanali. Ma in realtà si tratta di un numero molto maggiore di soggetti, perché difficilmente un supplente ha quegli orari. La maledizione del sistema informativo,  andato in tilt  -  come ha ammesso lo scorso 4 febbraio la stessa Direzione generale del Bilancio, per subentrati dei problemi tecnici - potrebbe colpire dai 50 ai 100mila supplenti. Secondo la Flc Cgil "il sistema non sarebbe stato potenziato e non è in grado di gestire tutti i contratti dei supplenti".

m.romano

© riproduzione riservata

Tags