Domenica 17 Febbraio 2013

Ristrutturazioni ed energia
I pregiudizi da sfatare

CERNOBBIO Pregiudizi da sfatare sulle case superenergetiche: continuiamo il viaggio. Dopo i primi due quesiti, ecco altri tre con le risposte dell'architetto Fabiano Trabucchi, responsabile tecnico di ComoCasaClima, la fiera che si aprirà venerdì 22 a Villa Erba.


Le case devono respirare.

Al contrario: le infiltrazioni d'aria attraverso le crepe o le finestre, in parole povere gli spifferi, abbassano continuamente la temperatura interna delle stanze: così si é costretti a riscaldare l'aria interna per mantenere il livello di comfort. Una buona ermeticitá dell'edificio, viceversa, preserva i muri da muffa e condense e limita le dispersioni per ventilazione.

La ventilazione meccanica controllata non permette di aprire le finestre.


La ventilazione meccanica controllata (VMC) permette di arieggiare in automatico 24 ore su 24. Un simile sistema non impedisce di aprire le finestre ma, poiché le stanze rimangono costantemente ossigenate e prive di odori, semplicemente fa venir meno il bisogno di arieggiare nella stagione invernale.

La riduzione dei livelli di inquinamento dell'aria migliora la salute delle famiglie in maniera così importante che già solo questo fattore rende un impianto di VMC un investimento conveniente.

La spesa aggiuntiva di un impianto di ventilazione con recupero di calore ammonta a circa 50/90 euro per m2 di superficie utile, pari a circa il 3-6% del costo medio totale di costruzione.

Viceversa un singolo serramento lasciato aperto anche solo nella parte superiore può costare, in inverno, oltre un 1 euro all'ora.

Per ristrutturare devo uscire di casa.

Oggi é possibile risanare energeticamente un edificio senza che il proprietario debba uscire di casa.

Sostituire o isolare il tetto, applicare un cappotto esterno, sostituire i serramenti o inserire un impianto di ventilazione con recupero di calore nelle stanze nobili sono tutte operazioni facilmente eseguibili ed economicamente vantaggiose, che contribuiscono a ridurre la dipendenza economica delle famiglie e (su scala nazionale) l'importazione di energia dall'estero.

m.lualdi

© riproduzione riservata