Venerdì 01 Marzo 2013

Tre allegri ragazzi morti
allo Studio Foce di Lugano

LUGANO Arriva a Lugano il più amato gruppo musicale indipendente della Penisola.
Tre Allegri Ragazzi Morti, attivi dalla metà degli anni Novanta, in cento canzoni, sette dischi ufficiali e più di mille concerti hanno creato una specie di mondo parallelo fatto di fumetti e sound capace di dare un'alternativa a quasi venti anni della nostra musica.
Stasera (venerdì 1 marzo), alle 21, allo Studio Foce in via Foce 1 a Lugano (biglietti a 15 e 10 franchi, infoline 004158-866.48.30), la band di Pordenone presenterà dal vivo  il suo ultimo album "Nel giardino dei fantasmi", che segue al fortunato "Primitivi del futuro" del 2010. Dopo la virata reggae-dub del precedente lavoro, un disco folk, o etnico, ma di un'etnia immaginaria. Il risultato si avvicina in qualche modo alla ritmica dei Violent Femmes ma anche a un certo tipo di sound Fela Kuti.
Suonato da Tre Allegri Ragazzi Morti - Luca Masseroni alla batteria e percussioni, Enrico Molteni al basso elettrico e acustico e Davide Toffolo alle chitarre elettriche e acustiche, oltre che alla voce - il nuovo disco offre anche un approccio a strumenti non ancora frequentati dal trio, come il mandolino, l'ukulele, il balafon, i cucchiai e il cajon.
Alcune chitarre sono suonate da Andrea Maglia (che segue il trio dal vivo), Giulio Frausin ("Mellow Mood" e "The Sleeping Tree") e dallo stesso Baldini. I gemelli Garzia ("Mellow Mood") si sono prestati a numerosi cori. Presente in vari episodi anche il coro I Fantasmi (Mimina di Muro, Elisa Santarossa, Giulia Sgrò, Elena Veneruz e Lorena de Bernardis). Il concept grafico è frutto del lavoro di Davide Toffolo ai disegni, Alessandro Baronciani alla grafica, Sterven Jonger alla fotografia e Canedicoda ai costumi.
Andrea Cavalcanti

a.cavalcanti

© riproduzione riservata

Tags