Venerdì 01 Marzo 2013

Il cane abbaia ai ladri d'auto
E il padrone finisce a processo

CANTU' È finito a processo perché il suo cane abbaiava troppo spesso. Lola, una femmina di cane corso, era malata da tempo. Anche se non era nel suo carattere, aveva iniziato ad abbaiare qualche volta di più. E questo perché, secondo il suo proprietario, in via Longoni erano arrivati i ladri a rubare le auto.
Da allora e fino alla morte, sopraggiunta qualche mese dopo, Lola aveva iniziato a dare segnali di movimenti inconsueti, nonostante i guaiti già imposti dalla sua dermatite cronica. Una leccata alle ferite tra le zampe, un lamento al cielo. Per un vicino di casa: un problema.
In Tribunale a Cantù, il pm Nicola Ronzoni ha chiesto l'assoluzione del padrone del cane, prosciolto dall'accusa di schiamazzi dal giudice Ferdinando Buatier de Mongeot. Questione di secondi, in camera di consiglio. Poi l'assoluzione.

Il servizio su La Provincia in edicola venerdì 1 marzo

e.marletta

© riproduzione riservata