Venerdì 01 Marzo 2013

Imbrattano i muri di scuola
Puniti dagli altri studenti

CANTU' Un paio di studenti sorpresi a imbrattare i muri del liceo artistico Melotti, l'ex scuola d'arte di via Andina. L'aspetto curioso è che, a riprenderli, non siano stati né i professori né il preside Francesco Cappelletti. Ma gli stessi rappresentanti dei ragazzi.

Sgridati, individuati come responsabili, hanno avuto una pubblica punizione: hanno dovuto pensare a ridipingere laddove l'imbiancatura, prima del loro gesto, si mostrava immacolata. Segno di tempi diversi, rispetto a qualche anno fa, quando le scuole presentavano non solo qualche scritta sui muri, ma anche banchi intagliati e rovinati da coltellini e pennarelli.

«Bisogna distinguere tra street art e semplici scarabocchi e imbrattature - riferisce il preside Francesco Cappelletti - anche se posso notare che, a scuola, c'è sensibilità per ciò che è di tutti. Per questo posso dire che scrivere sui muri, al Melotti, è un fenomeno limitatissimo. Potrei dire: praticamente inesistente».

C'è appunto l'episodio di cui detto, ad aver bene impressionato il preside. «E' capitato - aggiunge Cappelletti - che un paio di ragazzi abbiano imbrattato, seppure in modo contenuto, una parte di muro. Ovvio che è vietato. Ho apprezzato che, a riprendere gli autori di questo gesto, siano stati i rappresentanti di classe e di istituto. Quanto accaduto è stato così sistemato subito».

e.romano

© riproduzione riservata