Venerdì 08 Marzo 2013

Fermati in moto
con una pistola

CANTU' Si aggiravano per il Canton Ticino armati di pistola, una semiautomatica con il colpo in canna. Fermati dagli agenti della polizia cantonale, insospettiti da quella moto che si aggirava in una tiepida mattinata tardo invernale per le vie di Stabio, i due sono stati arrestati e portati nelle carceri svizzere.
Ricettazione e detenzione illegale di arma da sparo: sono queste le accuse formalizzate dalla magistratura elvetica a carico di Massimo Fattobene, canturino di 44 anni, e di Giuseppe Corigliano, 22 anni di Olgiate Comasco.

I due sono stati arrestati martedì scorso, da una pattuglia della polizia svizzera. Fermati per controlli, mentre si aggiravano in sella a una Honda Hornet, gli agenti non hanno impiegato molto a scoprire che qualcosa non andava. Grazie agli accordi che consentono alle autorità elvetiche di interrogare la banca dati della Motorizzazione italiana, i poliziotti hanno accertato in pochi minuti che la targa montata su quell'Honda non apparteneva alla moto. Successivi approfondimenti - compiuti con la collaborazione degli agenti italiani in servizio al Centro di cooperazione doganale di Chiasso - hanno permesso di accertare che la moto era stata rubata.
La perquisizione addosso ai due aveva consentito anche di ritrovare una pistola semiautomatica con il colpo in canna.

f.angelini

© riproduzione riservata