Lunedì 11 Marzo 2013

I frontalieri delle Poste
In Svizzera è meglio

Più efficienti, più veloci, più affidabili. Le Poste svizzere per chi vive nei paesi di confine sono da sempre considerate un modello all'avanguardia: e non sono rari i casi di frontalieri dell'ufficio postale, comaschi che scelgono di passare la frontiera pur di beneficiare del servizio elvetico.
Un mito? Forse, ma certo le differenze tra i due modelli di organizzazione sono molti ed evidenti.

A cominciare dagli orari d'apertura: nei piccoli centri italiani gli sportelli sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 8.15 alle 13.45, il sabato dalle 8.15 alle 12.45, gli uffici nei centri commerciali sono aperti fino alle 19 e quelli delle città hanno anche l'apertura pomeridiana. In Svizzera - dove gli impiegati sono tutti in divisa, mentre da noi esibiscono al massimo un cartellino con il nome - l'apertura dell'ufficio è ripartita su tutto l'arco della giornata, dalle 8 alle 10.30 e dalle 14.15 alle 18, mentre il sabato gli sportelli sono aperti solo la mattina.
Più accessibili, quindi, gli uffici svizzeri, ma sono anche più veloci? Sì, visto che secondo l'Istat un italiano passa in media 20 minuti allo sportello per ogni operazione mentre in Svizzera il dato analogo è di 7 minuti.
La differenza è dovuta a molteplici fattori. Per esempio, in Italia per inviare una raccomandata è necessario compilare il modulo su carta chimica, che solitamente è da richiedere allo sportello perché non è inserito negli espositori. In Svizzera il cliente arriva in posta con la busta compilata, un banale lettore ottico legge i dati e genera un codice a barre nel volgere di pochi secondi.
Per i bollettini di pagamento di Poste Italiane il sistema legge otticamente solo quelli precompilati, se sono scritti a mano l'addetto allo sportello deve introdurre i dati nei terminali.
In Svizzera inoltre i tempi diminuiscono perché si possono unire due attività diverse: inviare un pacco e pagare un bollettino, si fa tutto dallo stesso sportello. Soprattutto, in Svizzera non c'è la divisione tra sportello postale e sportello bancario: un impiegato fa entrambe le cose. In Italia capita spesso che quello dedicato alla banca non serva alcun utente sebbene in ufficio ce ne siano a decine in attesa davanti al collega che incassa i bollettini.

m.cavallanti

© riproduzione riservata