Venerdì 26 Aprile 2013

Serina, solidarietà
con la Corrida

Sorridere alla vita, grazie alla solidarietà. Sarà all'insegna del ricordo e della festa la terza edizione della «Corrida», lo spettacolo di artisti dilettanti in programma sabato 27 aprile alle 20.30 nel Palazzetto dello Sport di Serina. Sul palco, presentati da Yuri Pianetti, saliranno solisti e gruppi provenienti da tutta la Val Brembana (e non solo), pronti a divertire e divertirsi con il pubblico che lo scorso anno aveva raggiunto le duemila unità.

«L'idea di questa serata – spiega Catia Polattini a nome dei volontari e dei gruppi che coordinano l'evento – è nata nel 2011 per ricordare Alessandra Cortinovis, morta a soli 33 anni nel 2010 per un tumore che non le ha dato scampo. Negli anni della malattia ha mostrato una tenacia incredibile, lanciando un messaggio di speranza che vogliamo raccogliere e moltiplicare».

Quest'anno al ricordo di Alessandra si aggiunge purtroppo anche quello di Omar Carrara, ventiquattrenne disabile morto lo scorso marzo e molto amato in paese. Entrambi nel 2010 avevano ricevuto il premio «Inno alla Vita», promosso dagli Amici Gogis di Lenna.

Per ricordare Omar, appassionato tifoso atalantino, ci sarà una sorpresa resa possibile dai calciatori neroazzurri. In cabina di regia anche Comune, Pro Loco, Ass.Manifestazioni Agricole Serina e Associazione Awale, nata nel ricordo di Alessandra e attiva a supporto di pazienti e familiari all'Ospedale San Raffaele di Milano. Sul palco si alterneranno momenti comici ed esibizioni canore, cui prenderanno parte fra gli altri anche gli alunni delle scuole di Serina, il locale Corpo Bandistico e i ragazzi della Cooperativa “In Cammino” di San Pellegrino. «Abbiamo avuto richieste da ogni parte – sottolinea Piero Calvi dei Gogis – e non mancheranno momenti dedicati alla montagna, cui Alessandra tanto era legata. Ricorderemo il compianto Pierangelo Maurizio, ma anche Danilo Armellini, serinese quarantottenne morto di recente. Il 1 settembre la sesta edizione della Maga Skymarathon avrà una dedica particolare per Alessandra e Danilo».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata