Lunedì 29 Aprile 2013

Parchi bocciati
Niente bagni

COMO Quando piove la pioggia rovina tutto. Ma se non passano subito a sistemare i rami rotti dal vento e i ricci caduti dagli alberi, i bambini rischiano di cadere e di farsi male.
E se questo è un problema legato al tempo, sono invece problemi perpetui la mancanza di bagni pubblici o di pulizia dei bagni pubblici esistenti (come nel parco giochi di via Vittorio Emanuele) o di fontanelle chiuse (come in molti parchi di Monte Olimpino e Ponte Chiasso).
Da via Giussani a via Grilloni a Rebbio è una lamentala unica. Senza fontanelle per l'acqua e servizi igienici mamme e nonni sono disperati. Costretti a correre con i bambini a casa dell'amichetto più vicino o ad improvvisare rimedi fai da te anche per la prossima bella stagione.
In via Giussani le mamme puntano il dito contro i ricci ma anche contro cestini strapieni e marciapiedi inesistenti che rendono il percorso a piedi da scuola o dall'asilo al parco un incubo.

Leggi le due pagine sui quartieri su La Provincia in edicola lunedì 29 aprile

a.savini

© riproduzione riservata