Martedì 30 Aprile 2013

«Il nostro Giacomo
è già in Paradiso»

COMO Oggi alle 14.30 si svolgeranno nella parrocchia di Tavernola i funerali del piccolo Giacomo Leoni, 9 anni, morto domenica nelle prime ore del mattino, per una meningite fulminante.
«Il dolore del distacco improvviso, inatteso, è fortissimo, ma Giacomo con la sua storia ci ha sempre aiutati a capire che la vita non è nelle nostre mani, è fatta da Uno che ci ama e sa fare meglio di noi».
Ilaria, la mamma non riesce a fermare le lacrime mentre racconta il suo dolore immenso, totalmente affidato a un Altro che «sa come devono andare le cose, sa qual è il nostro vero bene».
Nessun fatalismo però si legge nelle parole lucide e semplicissime con le quali lei e suo marito Ermanno descrivono l'intensità di un affetto, quello che solo una madre e un padre conoscono, tante volte anche in passato attraversato da momenti di forte ansia e paura. A Giacomo nel 2010, quando aveva solo 7 anni, era stato diagnosticato un cordoma, un tumore raro al cervello, che i medici avevano giudicato inguaribile sconsigliando qualsiasi tentativo terapeutico. «Non ci siamo fermati di fronte a quel verdetto» raccontano oggi riepilogando un'avventura carica di attesa e speranza che li ha portati in Francia, in Germania e poi negli Usa, per affrontare una sfida difficile, ritenuta da molti improbabile, eppure vinta.

Gli approfondimenti su La Provincia in edicola martedì 30 aprile

a.savini

© riproduzione riservata