Venerdì 17 Maggio 2013

La storia
del Pd
ferma
a un bivio

La causa di fondo della crisi catastrofica del Pd? È rimasto indietro di un passo rispetto all'evoluzione culturale della sinistra europea. Un po' di storia aiuta a capire. La sinistra è nata in Inghilterra, all'epoca di Oliver Cromwell, con i Dibattiti di Putney, fine ottobre 1647.
È una sinistra liberale, che rappresenta con i suoi principi di partecipazione democratica universale – limitata dal censo – le nuove classi emergenti dalla società aristocratica. I girondini e giacobini della Rivoluzione francese dispongono in ordine gerarchico tre principi liberté, égalité, fraternité. Nel 1848 il Manifesto del Partito comunista di Karl Marx propone un altro ordine: égalité, fraternité, liberté. Per realizzare il quale, il proletariato deve conquistare lo Stato con la violenza rivoluzionaria. La dittatura del proletariato taglia alle radici le cause della disuguaglianza, abolendo la proprietà privata dei mezzi di produzione e affidando allo Stato la produzione e l'economia. Così nasce «la società eguale». Su quella prospettiva viene fondata la Prima internazionale a Londra nel 1864. Nei decenni successivi i movimenti operai si divisero: una parte, minoritaria, continuò a proporre la conquista violenta dello Stato come la «via sacra»; i socialdemocratici tedeschi e i laburisti inglesi avanzarono, invece, la teoria e la pratica della conquista parlamentare dello Stato.
Dopo la vittoria della Rivoluzione d'ottobre del 1917, Lenin fonda, nel marzo del 1919, l'Internazionale comunista e rilancia la via violenta al potere. Nel 1921 nascono in tutta Europa i partiti comunisti, in Italia il Partito comunista d'Italia, poi Partito comunista italiano. Tuttavia, nonostante le divisioni feroci, comunisti e socialisti condividono il punto essenziale: la centralità dello Stato quale soggetto produttivo ed economico .
Margaret Thatcher nel 1979 e Ronald Reagan nel 1980 sono il motore ideologico della svolta antistatalista, declinata secondo moduli neo-liberali di durezza ottocentesca. Nella sinistra questo cambio di paradigma culturale e antropologico provocò effetti diversi. I laburisti inglesi, i socialdemocratici tedeschi e scandinavi avviarono una revisione in direzione del primato della libertà; nel frattempo il Pci continuò a mantenere l'idea dello Stato come redistributore della ricchezza.
L'attuale Pd da comunista è diventato vetero-socialdemocratico. Lo Stato è la sua base elettorale: pubblica amministrazione, dipendenti pubblici, pensionati. La confluenza nel Pd della sinistra democristiana non ha modificato questo indirizzo, provenendo essa dallo statalismo cattolico fanfaniano-dossettiano. Così, nonostante il precedente vorticoso cambio di sigle – Pci, Pci-Pds, Pds, Ds – il Pd è bloccato sugli anni '70. Perciò continua a soccombere persino di fronte al neoliberalismo sgangherato di Berlusconi. Rimettere la persona libera e responsabile al centro delle politiche – la libertà eguale! – sarebbe il socialismo liberale all'europea. Ma il Pd è ancora fermo al vecchio bivio libertà/eguaglianza come l'asino di Buridano. E, proprio come il suddetto asino, è morto.
Giovanni Cominelli

Giovanni Cominelli

© riproduzione riservata

Tags