Venerdì 17 Maggio 2013

Como e la foto scandalo
«Un gesto frainteso»

COMO Stavolta parlano loro, i giocatori protagonisti della foto di Carpi - quella con gli "attributi" in bella vista - che tanto sta facendo discutere. Dispiaciuti per tutto quello che è successo e per le reazioni che ne sono scaturite, ma ben determinati a chiudere l'episodio precisando che si sarebbe trattato di un colossale fraintendimento.

Prima della partita di ieri sera con la Pro Lissone, in un incontro allo stadio e dopo un confronto con la società avvenuto nel pomeriggio, i giocatori hanno voluto chiarire il proprio punto di vista.

In sala stampa si sono presentati in sei, tutti tranne Scialpi, ammalato. Il portavoce è Ettore Mendicino, che parla a nome di tutti, compreso il resto della squadra «perché - dice l'attaccante - la pensano esattamente come noi».

«C'è dispiacere - esordisce Mendicino - perché riteniamo che alla base di tutto ci sia il fraintendimento di un gesto, magari poco felice, in un una giornata storica per il Como e per noi giocatori. Non avevamo intenzioni provocatorie, con quella foto, nei confronti di nessuno. Era un momento di euforia, nel pieno dei festeggiamenti per una grande salvezza. Diciamo che un gruppo di ventenni si è ritrovato coinvolto in una foto poco carina».

e.ceriani

© riproduzione riservata